SENZA MEMORIA

 


Scorgo appena
le luci dell'alba
ed Ŕ giÓ sera.
Tra mille candele spente,
milioni di nuove fiammelle
aprono

nuove pagine di storia.
Il mondo:
un gigantesco teatro,
dove cambiano gli attori
nella stessa scena.
Una commedia continua,
fatta di grandi e piccoli ruoli,
cui nessuno applaude.
Senza memoria ,
non rimarrebbe nulla
dell'eterno avvicendarsi
di civiltÓ

e di stagioni.
L'alba Ŕ appena iniziata,
ed Ŕ giÓ sera.
Sulla mia scrivania,
una rosa
mi parla d'amore.


 

 Franco Pastore

   

 

INDIETRO